Novembre Grosso

Visita il programma della manifestazione!

Territorio

Massa Marittima e dintorni

Massa Marittima

Un incanto protetto da una cinta muraria ben conservata

Adagiato su un colle panoramico, il centro storico di Massa Marittima, racchiuso entro una cinta muraria ben conservata, rappresenta uno dei complessi urbanistici ed architettonici più rilevanti della Toscana.

Anguste stradine salgono e discendono il colle, conducono ad un luogo magico, dove l’armonia delle linee accoglie il visitatore contemporaneo, lasciandolo senza fiato ad ammirare forme e colori senza tempo.

Sono riuniti in un medesimo ambiente, la piazza, tutti gli edifici necessari alla vita pubblica di una città dell’epoca comunale (XIII secolo): il Duomo, il Palazzo del Podestà, il Palazzo del Comune, la Loggia del Mercato, e poco più in là la Zecca e la Fonte Pubblica con il celebre affresco dell’Albero della Fecondità.

Nella città alta, costruita nel periodo della dominazione senese, si eleva la poderosa fortezza con la Torre dell’Orologio o Torre del Candeliere dalla quale si può accedere ad una porzione della cinta muraria e godere di una visuale unica sulla Città.

Un po’ di storia…

La città ha origine a partire dal XII secolo d.C. quando il Vescovo di Populonia in fuga dalla costa alla ricerca di un luogo protetto dalle aggressioni esterne e al tempo stesso ricco di risorse da sfruttare, scelse la collina di Monteregio, situata nella parte più alta della città, per stabilire la sua nuova sede.

Non a caso Massa Marittima occupa una posizione centrale nel controllo dei giacimenti minerari del territorio che oggi conosciamo con il nome di Colline Metallifere.

È proprio sulla ricchezza del sottosuolo che la città ha fondato la propria storia. Al di sotto della residenza vescovile si costituirono i primi nuclei abitativi, ma fu solamente nel 1225, quando il Comune di Massa Marittima si liberò dal dominio del Vescovo feudatario, che la città conobbe il periodo di massima espansione e benessere.

Risalgono a quest’epoca i principali edifici pubblici: la Cattedrale di San Cerbone, il Palazzo Pretorio, il Palazzo Comunale, le Fonti dell’Abbondanza,le mura cittadine.

Non solo, nel periodo del Libero Comune ci fu in città un gran fermento nell’edilizia privata (si andarono a costituire i terzieri di Cittanuova, Cittavecchia e Borgo) e nella realizzazione di opere d’arte: dalla pittura alla scultura, all’architettura.

Nel 1335 Massa cadde sotto il dominio senese e, con la perdita dell’autonomia e la peste del 1348, iniziò un lungo periodo di decadenza che durò fino all’avvento dei Lorena che avviarono importanti opere di bonifica e favorirono la ripresa dell’attività estrattiva e della vita economica della città.

I dintorni

Massa Marittima è inoltre inserita in un contesto di altissimo pregio naturalistico e geologico. Rappresenta uno dei 7 comuni che compongono il Parco Nazionale delle Colline Metallifere Grossetane, che offre percorsi e musei strettamente legati alla celebre storia mineraria di questa zona e alle peculiarità geologiche che gli hanno valso il titolo di Geoparco riconosciuto dall’Unesco.

Lo stupendo Golfo di Follonica dista appena 10 minuti dalla città, e percorrendone venti avventurandosi nel selvaggio entroterra si può sperimentare l’emozione di camminare tra fumarole, geysers e rocce che superano i 90 gradi centigradi sul percorso delle Biancane di Monterotondo M o visitare un’antichissima Canonica a forma di fiore a Montieri.

Il Lago dell’Accesa, uno specchio d’acqua incontaminato custode di tesori naturalistici e storici unici dista appena pochi minuti. I dintorni sono un susseguirsi di borghi medievali adagiati sulle colline, scorci panoramici mozzafiato ed una natura che qui ancora la fa da padrona.

Per qualsiasi informazione contattate info@novembregrosso.it
o chiamate il numero 0566/902289

Contatti

Contattaci telefonicamente o visita i social per maggiori informazioni!

  • Massa Marittima
  • 0566/902289

Richiesta informazioni

Send